lunedì 3 novembre 2014

NFL 2014 Week 9 - Risultati e Commenti

- Denver 21 at New England 43
C'è un motivo se Brady ha 3 anelli al dito e Manning colleziona solo record. Nelle partite che contano Brady emerge sempre, il suo talento brilla ancora di più in queste sfide e non è un caso se si è trattata della undicesima vittoria in questi scontri diretti. In più anche guardando i numeri quasi sempre amici di Peyton, la differenza di rendimento in positivo per Tom e in negativo per Manning è evidente. 
Non mi riferisco solo ai due intercetti lanciati dal QB di Denver, perchè il primo è di sua responsabilità, mentre l'altro il drop clamoroso di Walker, ha fatto si che Browner intercettasse la palla.
Il discorso è più in generale di Manning in queste sfide, inizia a tenere maggiormente la palla, mentre di norma è rapido nel lanciare e questo lascia intravedere un pò di insicurezza, perchè sente questa sua differenza di rendimento nei big match, sopratutto quelli contro New England. In più anche come game plan sin da subito è stato molto sbilanciato sui passaggi, ma almeno nella prima parte il risultato era recuperabile, però Hillman è stato fatto correre molto poco, seppur la difesa di New England contro le corse non sia il massimo. Insomma non si è vista quella sicurezza che Denver ha mostrato in tutta la stagione. Ad esempio nella sconfitta contro i Seahawks, fino all'ultimo Peyton ha saputo condurre drive perfetti, uno alla fine dell'ultimo quarto in appena 40 secondi si era fatto 80 yards. Ieri invece quella sensazione non c'è mai stata. Già nel secondo quarto si intuiva che non ci sarebbero state sorprese e la vittoria di New England era già certa.
Tutta la colpa della sconfitta non sarà di Manning, però quello fatto da Brady dimostra la differenza tra loro.
Patriots che adesso non si possono non mettere tra i favoriti. L'attacco con il recupero di Gronkowski ha cambiato totalmente aspetto e un Brady capace di lanciare 4 TD ad altrettanti ricevitori fa veramente paura, come nelle stagioni migliori. La difesa, se riesce a mettere a segno qualche big play con i turnovers allora può ben nascondere le lacune che ancora rimangono.
Denver ridimensionati, seppur di poco, ma perdono quell'aurea di invincibilità che li rendeva anche più forti di fronte agli avversari. Adesso, riprenderanno la solita marcia di vittorie, però con qualche dubbio in più che si porteranno alla postseason. Dove sarà importantissimo vedere chi si aggiudicherà il seed numero 1 e quindi il vantaggio di giocare in casa fino al championship.

- St. Louis 13 at San Francisco 10
St. Louis ci prende gusto alle vittorie a sorpesa, infatti dopo aver battuto i Seahawks, ieri è stata la volta dei 49ers. I Californiani devono farsi un bell'esame di coscienza per aver perso una sfida importante, quando oltretutto gli avversari non riescono a lanciare più di 105 yards, 2 intercetti e ne corrono poco più di 85. E' evidente che a mancare all'appello sia stato l'attacco incapace di mettere punti sul tabellone, finendo oltretutto per sprecare il drive della vittoria negli ultimi secondi, con un fumble al terzo tentativo ad una yard dalla endzone.
Le lacune più evidenti per San Francisco sono un running game che non funziona, sopratutto a causa di una offensive line mediocre, Gore è un ottimo runningback che in nove stagioni ha superato le 1000 yards ben sette volte, le uniche due volte sottto tale soglia sono a causa di infortunio nel 2010 e l'anno del debutto dove come titolare giocò una sola partita. In più la OL non sa difendere Kaepernick, ieri ha subito ben 8 sack, questa costante pressione ha poi prodotto anche un fumble ricoperto dagli avversari.
L'episodio del fumble nel finale è secondo me frutto di chiamate sbagliate. Tre tentativi falliti a 1 yard dalla endzone devono far riflettere anche il signor Jim Harbaugh, che dopo 3 stagioni in cui sono sempre arrivati almeno al Championship, quest'anno con un 4-4 rischia veramente di non approdare ai playoff.
 
- Oakland 24 at Seattle 30
Seahawks vincono e si rimettono in marcia nella division, seppur i Cardinals non sembrano voler abbandonare il primo posto della NFC West. I problemi però rimangono e non si cancellano con i TD di Lynch, né con l'intercetto di Sherman. L'attacco di Seattle è maledettamente in crisi e non riesce a conquistare primi down con regolarità, in più regolarmente fanno rientrare in partita gli avversari, seppur modesti come i Raiders di ieri.
I problemi sembrano all'incirca gli stessi di San francisco, in più con le cessioni di Tate e Harvin il pacchetto ricevitori si è ridotto al solo Baldwin, con l'aiuto di Lynch.
Per coach Carroll c'è ancora tanto da lavorare, anche perchè dal week 11 al 16 ci sarà una serie di partite difficilissime con le trasferte a Kansas, San Francisco, Philadelphia e Arizona e le partite in casa sempre contro i 49ers e Cardinals. Se si fanno recuperare 21 punti ad Oakland, uscire con un record positivo a fine anno sarà difficilissimo. 

- Baltimore 23 at Pittsburgh 43
A volte la NFL è così, gli Steelers che non convincevano ad inizio anno vanno in crescendo e Ben Roethlisberger arriva perfino a fare la sua miglior partita in carriera lanciando 6 TD. In più si ripete nel week seguente con ancora sei touchdown pass e per di più contro i rivali di Baltimora.
Nemmeno negli anni migliori dei Super Bowl vinti avevano giocato due partite di fila in modo così perfetto. Non a caso 12 TD totali in due partite consecutive sono un nuovo record per la NFL. Il motivo di questa forma disarmante francamente stento a trovarlo. Era un team con molti problemi in difesa e un attacco che non sempre carburava a dovere e adesso insieme ai Patriots sono la franchigia più in forma. In più con le prossime due partite molto abbordabili contro Jets e Titans possono portarsi prima del turno di riposo su un ottimo 8-3.
Una nota di merito a James Harrison DE, che dopo una carriera passata a Pittsburgh era andato a Cincinnati senza grandi risultati, torna agli Steelers e nelle ultime 2 partite ha collezionato 4 sack, ma sopratutto tanta pressione sui quarterback avversari. Veder i blitz di Harrison e Polamalu di ieri sembrava essere tornati a 5/6 anni fa quando facevano tremare gli attacchi avversari.
Ravens in partita fino a metà del secondo quarto, quando poi il lancio intercettato di Flacco a dato il via al drive del primo TD Steelers, al quale prima della fine del periodo, ne sono seguiti altri 2 portando il risultato sul già difficile 10-22.

- New Orleans 28 at Carolina 10
Seconda partita consecutiva dove i Panthers non riescono a segnare più di 10 punti. E' evidente che con questo attacco si va poco lontani e i proclami d'inizio anno ormai fanno solo rammaricare i fans. Le speranze di una postseason per il team della Corolina sono ancora vive solo grazie ad una division al ribasso. Il crollo delle prestazioni di Cam Newton non fa che peggiorare la situazione, solo 8 TD quest'anno e zero nelle ultime due gare.
I Saints pur non giocando benissimo si portano a casa una vittoria che pesa molto in ottica division, infatti con il successo di giovedì si sono portati sul 4-4, che nella NFC South equivale al primo posto solitario, visti i record negativi della stessa Carolina, di Atlanta e Tampa Bay.
Sul piano del gioco qualche miglioramento si è visto nelle ultime gare, ma da New Orleans ci si aspetterebbe di più. La nota positiva delle ultime 2 gare vinte sono le prestazioni di Mark Ingram, anche giovedì il runningback ha raggiunto le 100 yards corse, dopo le 176 guadagnate nel week precedente contro i Packers. 

- Arizona 28 at Dallas 17
Si è sentita tutta l'assenza di Romo per i Cowboys, infatti gran parte della causa che ha portato alla sconfitta Dallas arriva proprio dalla mancanza di Tony.
L'attacco dei Texani con Weeden in campo è diventato incredibilmente sterile, con solo 183 yards lanciate un TD pass e due intercetti, a risentirne è stato anche il running game ben più prevedibile. La difesa di Arizona si è potuta concentrare maggiormente nel fermare le corse di Murray, che dopo 8 partite di fila sopra le 100 yards si è fermato a 79 e senza touchdown.
La difesa di Dallas per buona parte del match ha tenuto in bilico l'incontro, ma alla lunga ha dovuto chinare la testa all'ennesima ottima prova di Carson Palmer. Per il QB dei Cardinals l'inizio non è stato dei migliori con un intercetto ritornato in endzone, ma ha saputo rifarsi lanciando poi 3 TD.
Arizona adesso è lanciatissima, con questa vittoria in trasferta si porta sul 7-1. Sopratutto ha dimostrato ancora una volta una compattezza incredibile in difesa, anche ieri ha saputo fermare un 4° down nell'ultimo periodo, sul risultato ancora in bilico di 14-10.

- Philadelphia 31 at Houston 21
Vittoria che non mi aspettavo alla vigilia dell'incontro,ma sopratutto quando nel primo quarto Foles è uscito per un infortunio alla spalla e al suo posto è subentrato Mark Sanchez. Il QB ex Jets nonostante abbia sparato i suoi soliti intercetti, ha saputo comunque mandare in endzone i WR Matthews e Maclin.
Per Houston giornata da dimenticare, a parte una buona pressione della linea difensiva non ha saputo trovare rimedi efficaci per fermare le corse di Sean McCoy e le ricezioni di Maclin.
In più per i Texans l'infortunio nel terzo quarto di Foster gli ha tolto un'arma offensiva importante per l'ultimo quarto. Partita non eccezionale per Fitzpatrick, però resta un quarterback che in campo ci mette l'anima, a conferma di questo anche le sue 49 yards conquistate in sei corse, per primi down importanti.
Da sottolineare la prova di DeAndre Hopkins il ricevitore di Houston che ha fatto l'impossibile, mentre il grande Andre Johnson ha chiuso con solo 12 yards ricevute, confermando una stagione al di sotto delle sue qualità.


- Jacksonville 23 at Cincinnati 33
- Tampa Bay 17 at Cleveland 22
- NY Jets 10 at Kansas City 24
- San Diego 0 at Miami 37
- Washington 26 at Minnesota 29
- Indianapolis 40 at NY Giants 24

Le altre in breve...
Cincinnati prova a riprendersi vincendo in casa contro i Jaguars. Per Cleveland la stagione rimane positiva e la vittoria in casa contro i Buccaneers migliora il loro record. Anche con Vick i Jets non decollano e subiscono un altra sonora sconfitta dai Chiefs di Smith, che lancia la squadra di Kansas in alto nella division, superando i Chargers che si sono andati a suicidare a Miami. Vittoria di Minnesota in un match equilibrato contro i Redskins, per Washington l'unica nota positiva arriva dal rientro di Robert Griffin, ma è evidente che il ragazzo non tornerà mai più quello della prima stagione in NFL. C'è solo da "ringraziare" quel criminale di coach Shanahan che lo rovinò nei playoff del 2012.


- BYE WEEK -

Atlanta, Buffalo, Chicago, Detroit, Green Bay, Tennessee.


_________________________________________________

---> Classifica NFL, Division per Division su NFL.com
---> Box Score & Highlights su NFL.com
_________________________________________________

13 commenti:

  1. Premessa. Anch'io preferisco Brady a Manning. Se avesse vinto uno dei sb contro i Giants a quest'ora saremmo qui a parlare del più grande di sempre con 4 vittorie al SB su 5 presenze. Invece è uno dei grandi, ma forse non il più grande - per la stampa e per chi segue questo sport. Una carriera di una longevità impressionante. Dirò di più : gioca meglio ora, negli ultimi anni, che non vince rispetto ad inizio carriera quando vinceva.

    Detto questo però non credo che domenica l'abbia vinta lui o persa Manning. Il Gillette Stadium è un campo ostico : temperature polari, vento forte. Manning l'ha sofferto di più, questo è evidente. Per qb come lui vanno bene gli indoor. Ho visto due squadre abbastanza speculari. Palla in aria, difese ottime nei big play, gioco di corse da rivedere. Patriots più motivati e la motivazione - nello sport quanto nella vita - fa sempre la differenza. Man of the match : Julian Edelmann, ricevitore straordinario che spacca la partita con un ritorno di punt da 89 yds. A volte paragonato x stazza fisica a Wes "drop" Walker, ma a mio avviso nettamente migliore. Da non farsi ingannare dal punteggio : a gennaio ci dovesse essere - avremo un'altra partita.

    Se non è colpa di Manning la sconfitta di Denver, altrettanto non lo è a SF quella per causa di Copernico. Si certo un fumble all'ultimo secondo con un altro tentativo x pareggiare col calcio da 3 è abbastanza clamoroso. Ma com'è possibile che Arbo pensi di vincere una partita con 10-13-17 punti con l'attacco che ha?!

    Gli Steelers volano. E' una squadra di vecchi volponi con due runn che mi piacciono molto. Simpatizzo molto per loro ma non credo che potranno andare molto lontano. Division tostissima.

    Cow Boys. Facile profetizzare il crollo. Se rientrano i Giants in corsa anche quest'anno Befana alla tv.

    Dolphins. Mi aspettavo una vittoria con i Chargers. Cominciano a carburare. Da tener d'occhio.

    See you on week 10 ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Massi, non so se a gennaio il risultato sarà diverso. Non sarà tutta colpa di Manning la sconfitta però, Peyton non era certo al top come in altre sfide. Il freddo si lo si è sempre definito un quarterback da dome però mi sembra che a Denver faccia altri numeri seppur sia all'aperto. Secondo me sono un pò attenuanti che spesso gli vengono date. Ed esistevano quando giocava a Indi.
      Edelmann buono certo, ma credo che Brady cambierebbe volentieri il suo pacchetto ricevitori con quello dei Broncos. (Gronko è un TE, parlo solo dei WR). Ad esempio Drop Walker fino a pochi anni fa era il miglior ricevitore di Brady e adesso è quasi il peggiore per Denver questo fa capire quale siano le differenze di roster.
      Dolphins difficili da decifrare, ancora troppo discontinui. Non mi aspettavo un tonfo del genere da parte di San Diego.
      Kaep domenica non ha molte colpe per le difficoltà della sua OL, certo che con quella batteria di ricevitori che hanno i californiani si potrebbe fare meglio. Resto sempre dell'idea che i 49ers forse avrebbero fatto meglio con Smith, ma ormai sono passati anni.

      Ciao al prossimo week ;)

      Elimina
  2. Quanto scommettete che a fine stagione Harbaugh fa le valige???, se hai in mano un a ferrari come rooster e in 4 anni non vinci ,anzi facendo brutte figure come quest'ultimo,la copla e' solo del coach....vorrei vedre un Belichick o come cavolo si scirve su quella panchina...avrebbero per me un anello in piu' almeno,i Pats sono ancora i Pats e con loro bisognera' fare i conti fino a Gennaio sicuro,magari anche con gli steelers come sorpresa Afc,dall'altra parte attenzione ai LIons e ai Cardinals,morale e calendario li danno per favoriti nelle rispettive divisions,i leoni,hanno da guardarsi solo da GB perche' non credo che CHI arrivi in fondo con un record positivo ,i Cardinakls devono guardarsi dal ritorno dei campioni inj carica che comunque sono sempre in affanno tanto quanto lo sono i 49 ers che secondo me chiuderanno terzi nella division se continuano a fare pessime prestazioni,Cowboys che sicuramente dipenderanno dalle condizioni di Romo,gia' lui spesso fa la differenza in negativo,ora che sbagliava poco si e' fatto male ,e la regia di un'ottima squadra e' in mano a degli sconosciuti....la mia fede nel veder le partite in chiaro,su un canale non a pagamento non e' ancora tramontata ,spero nei PO abnche se la vedo dura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jim Harbaugh lo si può vedere in due modi. Da un lato ha portato per 3 anni i 49ers a tre championship di cui uno vinto e poi sconfitto al super bowl, quindi un ottimo andamento, per le sue prime 3 stagioni NFL. Dall'altra parte si può iniziare ad etichettarlo come perdente, però lo vorrei vedere in un altra franchigia per valutarlo ancora meglio. Ha un gran team con alcuni problemi e a tutt'oggi non li sta migliorando. Comunque 5 euro su una sua partenza da San Francisco a fine anno io ce li scommetterei.

      Nei Cowboys io invece ci credo ancora, ovviamente con Romo in campo e sopratutto quello pre-infortunio.

      Elimina
    2. Ciao più che harbaugh a fare le valigie dovrebbe essere l'offensive cordinator che con le sue scelte sulla goal line ha già fatto perdere un superbowl ed un championship senza contare le altre partite della stagione come l'ultima ciao

      Elimina
  3. MN. Colts @ Giants 40-24

    Quelli che ho visto sono in NYG peggiori che io possa ricordare. Dal SB di tre anni fa ad oggi hanno venduto tutto il possibile, lasciando in attacco a Eli Manning una batteria da ricevitori e un runn ideali per arrivare ultimi nella propria division. Dopo un paio di minuti della partita del MN si capiva già come sarebbe andata a finire.

    Lucky Luck è la nostra unica speranza (al momento) di spettacolo al ritiro dei vari Manning e Brady. Carisma da vendere, è ancora un po' acerbo e a volte istintivo. Con l'età sarà senza ombra di dubbio il qb di riferimento di tutta l'NFL. Bene anche ieri anche se il gioco di corse dei Colts stenta ancora tantissimo nonostante i nomi non siano proprio da buttare. Ricevitori molto bene e se Wayne data l'età è sul viale del tramonto, Hilton è uno dei più on fire di tutta la lega : a me piace moltissimo. Presa d'acciaio.

    Il primo anno alla wild card, il secondo alla semifinale di conference. Dove può arrivare l'Indianapolis di Andrew Luck quest'anno? Un gradino in più, in finale forse? Direi di si, da migliorare ancora la difesa, soprattutto sulla secondaria. L'impressione è che il futuro dell' NFL passi da queste parti.

    See you later alligator
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me i Colts non arrivano al championshi, si sono capaci di fare 40/50 punti, ma hanno anche una difesa di subirne altrettanti e in quei casi non sempre Luck sa riprendere la partita in mano. Per tecnica e qualità non si discute, per le partite punto a punto ancora è giovane e deve crescere.

      Elimina
  4. La super sfida Domenicale, a meno che non si fosse tifosi Pats, ha un pò deluso, non tanto per punteggi oe situazioni in quanto bene o male ci ha regalato un pò di tutto, ma perchè il risultato non è stato mai in bilico e non c'è mai stata partita vera, come detto da Bembo.
    Vero tutto quello che avete detto, siamo a Novembre e a Foxboro è durissima giocare di sera: anche io sono convinto che a Gennaio cambierà la musica, e varrà tantissimo poter giocare in casa, per cui vietato sbagliare per entrambi ora.
    Certo che anche l'utlima squadra che aveva quell'areola intatta di imbattibilità non c'è più, ora sono tutti sulla terra, tutti possono giocarsela e mai come ora secondo me regna l'incertezza.
    Seattle e SF irriconoscibili, almeno i Seahawks hanno vinto e ritrovato in parte Beast Mode, mentre SF ha fatto pena, e Arbo (bellissimo il soprannome) ha in qualche modo perso la rotta. Non è colpa di Kaep certo, ma in queste partitacce ostiche, dove serve il colpo del campione e la freddezza glaciale degli ultimi 10 secondi (alla Brady tanto per capirci, o se volete torniamo indietro un mese all'ultimo drive di Miami per Rodgers) lui non riesce a tirare fuori il coniglio dal cilindro, stop. é bravo, giovane, corre bene, fisicamente è un atleta mostruoso, ma è limitato, e sta anni luce rispetto a Brady Rodgers e compagnia bella. E una squadra del genere secondo me lo meriterebbe.
    Luck il futuro, senza ombra di dubbio, peccato che tra 6/7 anni sarà un predicatore nel deserto.
    Arizona sono la squadra umile ed operaia, niente nomi ecclatanti, niete protagonismi, si parla poco di loro (certo, la in mezzo al deserto chi se li caga!?) ma sono 7-1 con un calendario abbordabile. é molto probabile e fattibile per lor oggiudicarsi il seed #1 in NFC soprattutto ora che starà fuori due mesi Foles, e a Phoenix se la dovranno guadagnare tutti.

    Pronti per il derby NFL Massi??? La sfida delle sfide nella Frozen Tundra! Son già carico e teso.
    ciao
    Nic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono pronto. Il punto è che i Bears non mi sembrano per niente pronti. Ultima chance, poi si può già pensare alla prossima stagione x noi...

      Elimina
    2. D'accordo la sfida che doveva essere super, abbia un pò deluso.
      Detto questo beh per San fracisco e Kaep sono in gran parte d'accordo.
      Per il deserto di QB talentuosi tra 6/7 anni, non la vedo così pessima. Adesso diciamo i magnifici 5 sono Brady, Rodgers, Manning, Brees. Un gradino anche due sotto: Big Ben, Manning (quello vincente:) ) Stafford Romo e Rivers.

      Il futuro Luck, Foles, Stafford e il Dalton del 2012 e 13, poi avremo come sempre uno o due gradini sotto i vari Wilson, Kaep, Tannehill (quest'anno ha fatto un salto in avanti incredibile) e forse Davis e Carr.
      In più anche 5/6 draft dai quali qualche altro talento emergerà sicuramente. Poi avvio che di Brady non ne escono tutti gli anni, sopratutto per la parte di anelli vinti.

      Alla prossima e buon Rivalry!

      Elimina
    3. E il povero Sam Bradford?

      Elimina
    4. Se non si rompesse sempre sarebbe nella lista.:)

      Elimina
    5. Infatti, non credo di averlo mai visto giocare...
      Tornando al discorso io credo ancora una chance - prossima stagione - per Arbo e Copernico. Poi valige.

      E poi tornando al discorso della longevità (i vari Brady e Manning inossidabili), che mi dite di Vinattieri il kicker dei Colts... mi pare 42 anni e già 4 SB vinti... anche nel MN perfetto. Incredibile...

      Elimina