NFL Italia Blog

Ti piace la NFL? Vuoi conoscere le ultime novità e leggere le analisi della partite, ma l'inglese non è il tuo forte?
NFL Italia Blog fa per te!

Spazio dedicato alla NFL, con Reportage sui week appena conclusi. In più Articoli, News e Speciali dall' universo NFL.

Il Football Americano finalmente in Italiano.
Fabio "Bembo" Bertini

martedì 2 settembre 2014

NFL Week 1 - Season 2014 - Orari Partite in TV

Finalmente siamo al primo week della stagione 2014 e la NFL inizia subito con incontri niente male. Già giovedì l'apertura sarà affidata ai campioni in carica dei Seahawks, che nella bolgia del CenturyLink Field sfideranno i temibili Green Bay Packers di Aaron Rodgers.
Per domenica i match maggiormente da seguire saranno i Saints contro i Falcons nella sfida divisionale della NFC South, che ci dirà di più sulle ambizioni di New Orleans. Interessanti come sempre le sfide della AFC North con Browns Vs Steelers e Bengals Vs Ravens.
Per le 22 e 30 italiane da non perdersi il classico San Francisco contro Dallas, prima ostica partita per i 49ers favoriti al titolo anche in questa stagione.
Per chi avesse voglia di rimanere sveglio e visto la prolungata astinenza causa offseason, senza dubbio la sfida tra Denver ed Indianapolis, terrà incollati fino a notte fonda.
Per finire lunedì due incontri con i Lions a New York contro i Giants e a seguire San Diego Vs Arizona.


THU, SEP 4 - TIME (ET) - TV - LOCATION

Green Bay at Seattle - 8:30 PM - NBC - CenturyLink Field

SUN, SEP 7- TIME (ET) - TV - LOCATION

New Orleans at Atlanta - 1:00 PM - FOX - Georgia Dome
Minnesota at St. Louis - 1:00 PM - FOX - Edward Jones Dome
Cleveland at Pittsburgh - 1:00 PM - CBS - Heinz Field
Jacksonville at Philadelphia - 1:00 PM - CBS - Lincoln Financial Field
Oakland at NY Jets - 1:00 PM - CBS - MetLife Stadium
Cincinnati at Baltimore - 1:00 PM - CBS - M&T Bank Stadium
Buffalo at Chicago - 1:00 PM - FOX - Soldier Field
Washington at Houston - 1:00 PM - FOX - Reliant Stadium
Tennessee at Kansas City - 1:00 PM - CBS - Arrowhead Stadium
New England at Miami - 1:00 PM - CBS - Sun Life Stadium

Carolina at Tampa Bay - 4:25 PM - FOX - Raymond James Stadium
San Francisco at Dallas - 4:25 PM - FOX - AT&T Stadium

Indianapolis at Denver - 8:30 PM - NBC - Sports Authority Field at Mile High

MON, SEP 8 - TIME (ET) - TV - LOCATION

NY Giants at Detroit - 7:10 PM - ESPN - Ford Field

San Diego at Arizona - 10:20 PM - ESPN - U of Phoenix Stadium



_________________________________________________

---> Classifica NFL, Division per Division su NFL.com
---> Box Score & Highlights su NFL.com
_________________________________________________



 - PROGRAMMAZIONE SU FOX SPORT 2 - Canale 213 di SKY. (commento in lingua originale)
(Orari Italiani)

Giovedì Notte 4 Settembre:- Ore 02:30 - Green Bay at Seattle

Domenica 7 Settembre:- Ore 19:00 - New Orleans at Atlanta

Domenica 7 Settembre:- Ore 22:15 - San Francisco at Dallas

Domenica Notte 7 Settembre:- Ore 02:30 - Indianapolis at Denver

Lunedì 8 Settembre:- Ore 21:10 - NY Giants at Detroit (da confermare)

Lunedì Notte 8 Settembre:- Ore 00:20 - San Diego at Arizona (da confermare)



*NB Per adesso non c'è ancora nessuna comunicazione ufficiale su un possibile acquisto dei diritti in chiaro da parte di Italia 2, che nella passata stagione trasmetteva 2 partite a settimana con commento in italiano. Comunque è possibile che un acquisto di tali diritti avvenga a stagione in corso, magari già per il week 2.

NFL Italia Blog, Vi augura una buona stagione NFL 2014

Ci siamo, ormai l'uscita dal letargo è compiuta, la preseason ci ha solo aumentato la voglia di una nuova ed entusiasmante stagione di Football.
Siamo pronti per una cavalcata che da settembre a dicembre ci farà vivere tutti d'un fiato i 17 week della stagione regolare.

Come ogni anno le 32 franchigie ed i loro Fans sperano di vedersi realizzare le proprie aspettative. 

Nella NFL non c'è solo la vittoria finale come obbiettivo. 

Per alcuni si parte con il cercare vittorie divisionali, intense e sempre piene di significato. 

Per altri l'obbiettivo è arrivare ai tanto agognati playoff, il solo essere ancora in campo a gennaio per molti significa una vittoria. 

I pochi team sicuri di ciò sperano nel championship di conference e poi il sogno chiamato Super Bowl a febbraio. 

Tra tutti questi desideri, ad una franchigia e i suoi 53 gladiatori sarà concesso di entrare a far parte della storia.

Il Vince Lombardy Trophy è questo, ovvero Storia. 

Un anello al dito significa entrare nella leggenda, fregiarsi del titolo di Campioni, per tutta la vita.

Alcuni più volte colgono questa occasione, altri ne assaporano solo le sensazioni, senza mai conquistare questo onore.

Il Football è pieno di significati, di emozioni e di adrenalina che grandi Uomini ci trasmettono e ci fanno ogni anno vivere con passione una stagione NFL.

Il saluto di NFL Italia Blog va a tutti gli amanti della National Football League che ci sono in Italia.

A Noi che seguiamo con trepidazione uno sport di nicchia, per il nostro paese, sappiamo quanto sia duro e allo stesso tempo appagante seguire questo sport. 

A Noi che una palla ovale ci soppianta gran parte della nostra vita sociale, quando inizia a volteggiare nell'aria o arpionata ad un possente braccio di un runningback.

A Noi che in Italia festeggiamo il Thanksgiving Day, perché se per gli americani è "tacchino e Football" per noi è solo Football. 

A Noi che il martedì mattina con le borse agli occhi incuriosiamo la gente, perché non comprendono come si possa aver fatto tardi un lunedì sera e noi quasi stupiti rispondiamo: Ma come? c'era il Monday Night!!!. 

A Noi che viviamo per 7 mesi l'anno con il fuso orario Italiano e per 5 con quello "East Time" USA per seguire le partite.

A Noi che chi gioca in casa è la seconda squadra e non la prima, e non esiste il pareggio ma solo W e L.

A Tutti Noi Auguro una stagione ricca di emozioni e soddisfazioni nel seguire le sport più bello del mondo, chiamato Football e giocato con quella palla lunga un piede.



Fabio Bembo Bertini - NFL Italia Blog

giovedì 28 agosto 2014

NFL Season Preview 2014

Un saluto a tutti i fans della NFL, ormai ci siamo mancano meno di 10 giorni all’inizio di una nuova ed emozionante stagione di football.
Come ogni anno alla vigilia della nuova season cerchiamo di capire quali potranno essere le franchigie che punteranno al SuperBowl. Senza dubbio alcune delle migliori nel 2013 saranno ancora protagoniste.

I campioni in carica dei Seahawks di sicuro cercheranno di ripetersi, anche se non sarà facile riproporre una stagione perfetta come quella che li ha portati al titolo lo scorso febbraio. Certo è che Seattle può vantare un ottimo roster decisamente giovane, dal quale possono, se ben gestiti da Pete Carroll creare un dinastia vincente. Le basi saranno ancora il reparto di secondarie, le migliori della lega, l’ottimo QB Russell Wilson che seppur giovanissimo ha già un anello al dito e con le sue doti fisiche di corsa e un ottima intelligenza ha dimostrato di saper sopperire ad una altezza decisamente inferiore per un QB NFL. Risolta anche la questione contrattuale con Beast Mode Marshawn Lynch, per il gioco di corse possono stare tranquilli. Nel pacchetto ricevitori se ne è andato Golden Tate che sicuramente non ha dato quanto si attendevano i tifosi, al suo posto sperano che il rookie Paul Richardson, 45° scelta assoluta da Colorado, possa incrementare i TD su ricezione. 

L’altra finalista dello scorso Super Bowl si ricandida anche quest’anno al ruolo di favorita, ma questa volta tutti sperano che Peyton Manning guidi i Denver Broncos al successo finale. L’anno passato è mancato solo l’ultimo atto, con una prestazione inguardabile dopo una season perfetta e piena di record del suo QB. Nella offseason sono stati tra le squadre più attive della NFL, con le partenze di Eric Decker, il veterano e 12
volte Pro Bowler Champ Bailey CB che andrà a concludere la sua eccezionale carriera nei Saints. Infine i Broncos perdono il loro RB titolare Knowshon Moreno uno dei maggiori protagonisti del 2013, purtroppo un po’ oscurato dal suo QB. Chiara l’intenzione di Denver di puntare tutto sul promettente Montee Ball. Nella fila degli arrivi vanno annotati i ricevitori Emmanuel Sanders ex Steelers e il rookie Cody Latimer. Per la difesa il nome più clamoroso è l' OLB DeMarcus Ware, idolo dei tifosi di Dallas che ancora soffrono per la sua partenza. Io però freno l’entusiasmo dei fans Broncos in quanto non credo in un'altra stagione stellare di Manning, ricordando che nel 2011 saltò l’anno con i Colts per i gravi problemi al collo e nel suo passaggio a Denver le incognite sulla sua tenuta fisica erano molte. Le prestazioni sono state dalla sua parte, soprattutto lo scorso anno dove a 38 anni ha disputato la migliore annata della sua carriera per TD pass e rating. L’età però avanza e se la linea non dovesse più proteggerlo al meglio ecco che potrebbe fare un brusco calo. Potrò sbagliarmi e lo spero per lo spettacolo però, i Broncos hanno avuto 2 stagioni in cui potevano e dovevano centrare l’obbiettivo del Super Bowl attraverso le qualità di Manning e una squadra fortissima, non so se riusciranno ad arrivare in fondo pure in questa stagione.

La terza franchigia su cui puntere è senza dubbio San Francisco, anzi la considero la principale candidata alla vittoria finale. Dopo aver perso il Super Bowl due anni fa contro Baltimore e l’anno passato uscire sconfitti dal Championship contro i futuri campioni dei Seahawks, dimostrando di essere stati i loro avversari più ostici. E' necessario quest’anno provare a terminare nel migliore dei modi l’anno, con l’unico risultato accettabile ovvero l’anello al dito per Kaepernick e compagni. Il roster è ottimo, il migliore nel complesso difesa/attacco della NFL e migliorare un tale organico è praticamente impossibile, gestito da un coach bravissimo, seppur un po’ antipatico come Jim Harbaugh.

Non sono certo tre i team favoriti, però la differenza tra San Francisco, Seattle e Denver con le altre è comunque abbastanza marcato. 
Nonostante tutto la prima franchigia su cui puntare escluse le prime 3 sono i New Orleans Saints, che già nella passata stagione hanno fatto molto bene soprattutto con l’arrivo del defensive coordinator Rob Ryan che ha posto i Saints tra le migliori franchigie nella fase difensiva. Per l’attacco a New Orleans finchè ci sara Drew Brees QB saranno sempre temibili per chiunque. Sarà anche interessante vedere il WR rookie Brandin Cooks, 20° scelta assoluta da Oregon, ricevere i lanci di Brees.

Negli ultimi anni le squadre della AFC sembrano generalmente inferiori alla National Conference, a salvarsi oltre ai Broncos ci sono certamente i Colts del giovane talento Andrew Luck, al quale la offseason ha regalato un ottimo ricevitore come Hakeem Nicks. In più i fans si aspettano la definitiva esplosione del RB ex 3° scelta assoluta del 2012 dei Cleveland Browns.

Dopo queste 5 proporrei un pacchetto di possibili outsiders.
I New England Patriots sempre da tenere in considerazione e con un Rob Gronkowski che si spera a pieno servizio.
Anche gli Eagles potrebbero essere della partita con Nick Foles che dovrà dimostrare di non essere stato solo un fuoco di paglia l’anno passato, dove stupì tutti con numeri eccezionali e i pochi intercetti subiti.
Per finire inserisco pure i Green Bay Packers che ancora hanno il migliore QB della NFL delle ultime stagioni ovvero Aaron Rodgers. Interessante anche l’innesto dell’ex Bears Julius Peppers.


Da notare comunque come tra favoritissimi, favoriti e outsiders abbia indicato solo 2 franchigie della AFC contro le 6 della NFC, a rimarcare l’attuale differenza tra le due conference.

Tanto per rinfrescarsi la memoria vi lascio queste interessanti tabelle sui principali movimenti per questa nuova stagione. 

Dal sito: footballdocs.com

AFC Team
Key Losses
Key Additions
Baltimore Ravens

T Michael Oher

WR Steve Smith (CAR)
C.J. Mosely* (17th Overall / Alabama)
Buffalo Bills

WR Stevie Johnson
QB Kevin Kolb

WR Sammy Watkins* (4th Overall / Clemson)
RB Bryce Brown (PHI)
Cincinnati Bengals

WR Andrew Hawkins

RB Jeremy Hill* (55th Overall / LSU)
QB Jason Campbell (CLE)
Cleveland Browns

WR Josh Gordon (suspended)
QB Jason Campbell
QB Brandon Weeden

QB Johnny Manziel* (22nd Overall / Texas A&M)
RB Terrance West* (94th Overall / Towson)
WR Miles Austin (DAL)
WR Nate Burleson (DET)
WR Andrew Hawkins (CIN)
Denver Broncos

WR Eric Decker
RB Knowshon Moreno
KR/WR Trindon Holliday
DB Champ Bailey

WR Emmanuel Sanders (PIT)
WR Cody Latimer* (56th Overall / Indiana)
DE DeMarcus Ware (DAL)
Houston Texans

QB Matt Schaub
RB Ben Tate
TE Owen Daniels

DE Jadeveon Clowney* (1st Overall / S. Car)
RB Alfred Blue* (6th Rd / LSU)
QB Ryan Fitzpatrick (TEN)
Indianapolis Colts

RB Donald Brown

WR Hakeem Nicks (NYG)
WR Donte Moncrief* (90th Overall / Ole Miss)
Jacksonville Jaguars

RB Maurice Jones-Drew
WR Justin Blackmon (suspended)
QB Blaine Gabbert

RB Toby Gerhart (MIN)
QB Blake Bortles* (3rd Overall / UCF)
WR Marqise Lee* (39th Overall / USC)
Kansas City Chiefs

T Branden Albert
WR/RB Dexter McCluster

RB De'Anthony Thomas* (124th Overall / Oregon)
QB Aaron Murray* (207th Overall / Georgia)
Miami Dolphins

G Richie Incognito
T Jonathan Martin

T Branden Albert (KC)
RB Knowshon Moreno (DEN)
WR Jarvis Landry* (63rd Overall / LSU)
New England Patriots

RB LeGarrette Blount

WR Brandon LaFell (CAR)
CB Darrelle Revis (TAM)
New York Jets

QB Mark Sanchez

RB Chris Johnson (TEN)
WR Eric Decker (DEN)
WR Jacoby Ford (OAK)
QB Michael Vick (PHI)
TE Jace Amaro* (49th Overall / Texas Tech)
Oakland Raiders

RB Rashad Jennings
QB Terrelle Pryor
WR Jacoby Ford

RB Maurice Jones-Drew (JAX)
QB Matt Schaub (HOU)
WR James Jones (GRB)
QB Derek Carr* (36th Overall / Fresno St.)
Pittsburgh Steelers

WR Emmanuel Sanders
WR Jerricho Cotchery
RB Jonathan Dwyer

RB LeGarrette Blount (NWE)
San Diego Chargers

QB Charlie Whitehurst

RB Donald Brown (IND)
QB Kellen Clemens (STL)
Tennessee Titans

RB Chris Johnson
WR Kenny Britt
QB Ryan Fitzpatrick
K Rob Bironas

RB Bishop Sankey* (54th Overall / Washington)
WR/RB Dexter McCluster (KC)
T Michael Oher (BAL)
QB Charlie Whitehurst (SDG)

NFC Team
Key Losses
Key Additions
Arizona Cardinals

WR Andre Roberts

TE John Carlson (MIN)
TE Troy Niklas* (52nd Overall / Notre Dame)
RB Jonathan Dwyer (PIT)
WR Ted Ginn Jr (CAR)
Atlanta Falcons

TE Tony Gonzalez (retired)

KR/WR Devin Hester (CHI)
T Jake Matthews* (6th Overall / Texas A&M)
RB Devonta Freeman* (103rd Overall / FSU)
Carolina Panthers

WR Steve Smith
WR Brandon LaFell
WR Domenik Hixon
WR Ted Ginn Jr

WR Kelvin Benjamin* (28th Overall / FSU)
WR Jerricho Cotchery (PIT)
WR Jason Avant (PHI)
Chicago Bears

KR/WR Devin Hester
QB Josh McCown
DE Julius Peppers

WR Domenik Hixon (CAR)
Dallas Cowboys

WR Miles Austin
DE DeMarcus Ware

QB Brandon Weeden (CLE)
Detroit Lions

QB Shaun Hill

TE Eric Ebron* (10th Overall / UNC)
WR Golden Tate (SEA)
Green Bay Packers

WR James Jones

DE Julius Peppers (CHI)
WR Davante Adams (53rd Overall / Fresno St.)
Minnesota Vikings

RB Toby Gerhart
DE Jared Allen
TE John Carlson

QB Teddy Bridgewater* (32nd Overall / Louisville)
New Orleans Saints

RB Darren Sproles
WR Lance Moore

WR Brandin Cooks* (20th Overall / Oregon St.)
DB Champ Bailey (DEN)
New York Giants

WR Hakeem Nicks
RB Andre Brown
TE Brandon Myers
DE Justin Tuck

RB Rashad Jennings (OAK)
WR Odell Beckham* (12th Overall / LSU)
WR Mario Manningham (SF)
WR/KR Trindon Holliday (DEN)
Philadelphia Eagles

WR DeSean Jackson
QB Michael Vick
WR Jason Avant
RB Bryce Brown

RB Darren Sproles (NOR)
Jordan Matthews* (42nd Overall / Vanderbilt)
WR Josh Huff* (86th Overall / Oregon)
QB Mark Sanchez (PHI)
St. Louis Rams

QB Kellen Clemens

T Greg Robinson* (2nd Overall / Auburn)
RB Tre Mason* (75th Overall / Auburn)
WR Kenny Britt (TEN)
QB Shaun Hill
San Francisco 49ers

WR Mario Manningham

RB Carlos Hyde* (57th Overall / Ohio State)
WR Stevie Johnson (BUF)
QB Blaine Gabbert (JAX)
WR Brandon Lloyd (FA)
T Jonathan Martin (MIA)
Seattle Seahawks

WR Golden Tate
WR Sidney Rice
DE Chris Clemmons

DE Jared Allen (MIN)
WR Paul Richardson* (45th Overall / Colorado)
QB Terrelle Pryor (OAK)
Tampa Bay Buccaneers

DB Darrelle Revis

QB Josh McCown (CHI)
WR Mike Evans* (7th Overall / Texas A&M)
RB Charles Sims* (69th Overall / West Virginia)
TE Brandon Myers (NYG)
Washington Redskins

None

WR DeSean Jackson (PHI)
WR Andre Roberts (ARI)

lunedì 3 febbraio 2014

Super Bowl XLVIII - Dominio Seahawks!!!

Seattle Seahawks 43 Vs Denver Broncos 8

Il Super Bowl XLVIII che doveva essere equilibrato e bellissimo, si trasforma dopo pochi secondi in un trionfale e incontrastato dominio dei Seahawks che annientano i Broncos sia in attacco che in difesa.

Il Riassunto:
Pete Carroll con il Vince Lombardi Trophy
L'inizio ha già dell'incredibile con il primo snap che viene sparato in area dal centro Ramirez e l'incolpevole Peyton può solo guardare la palla passargli sopra e finire verso la propria endzone, dove un pronto Moreno va a raccogliere anche se è inevitabile la safety. Quindi dopo pochi istanti di gioco già 2 punti per Seattle e nel drive seguente mettono a segno il field goal che li porta sul +5.
Ci si aspetta che Manning inizi finalmente a giocare il Super Bowl, ma appare subito chiaro che oggi la difesa dei Seahawks è se possibile ancora meglio del solito. Placcaggi fulminei e aggressività in pass rush spaventosa fanno tornare a sedere l'attacco di Denver costretto al punt.
Sembra che però i Seahawks seppur con un ottimo inizio non riescano a indirizzare verso Seattle la sfida, visto che con già 2 possessi in ottime posizioni non vanno oltre ai calci da 3 punti. Quindi grande partenza ma ancora appena sul 8-0.
In molti fiduciosi in Denver si aspettano il cambio di passo ed invece arriva il primo intercetto di giornata per Peyton e questa volta c'è la firma di uno della Legion Of Boom ovvero Kam Chancellor la Strong Saferty.
Con il secondo turnovers e l'aver chiuso il primo quarto ancora senza un primo down conquistato dai Broncos, anche i fans più ottimisti iniziano a vacillare sulle possibilità dei loro idoli.
Kam Chancellor pronto all'intercetto
Nel drive conseguente l'intercetto sembra che anche l'attacco guidato da Wilson inizi a girare bene e si arriva fino ad una yard dalla endzone anche grazie al regalo di Tony Carter CB, che commette una evidente pass interference ai danni di Golden Tate in area. La posizione dopo la penalità sembra ottima per Marshawn Lynch, infatti pur respinto al primo tentativo, nel play seguente sfonda le linee nemiche ed entra dentro per il primo Touchdown della partita. E' 15-0.
La difesa dei Seahawks rientra in campo, ma la loro aggressività è spaventosa come un branco di famelici animali che si accaniscono contro la preda sanguinante. Infatti il secondo intercetto di Manning arriva grazie alla spaventosa pressione che la linea difensiva mette sulla OL, una volta perfetta, di Denver. Ed ecco che il Linebacker Malcom Smith cattura la palla e se ne va indisturbato verso la goal line. Adesso la disfatta inizia a prendere proporzioni incredibili.
Ci sarà il tempo per un ultimo drive nel primo tempo dei Broncos, ma si concluderà con un turnover on down su un 4°e 2.
Malcom Smith MVP che ritorna in endzone l'ovale
Anche se l'intervallo in questi casi serve veramente a poco, la speranza si limita a vedere una partita almeno più equilibrata.
Non è dello stesso avviso Seattle quando sul kick off il rientrante Percy Harvin si lancia in una corsa verso la gloria, per un ritorno in TD da ben 87 yards. Facendomi ricordare la somiglianza con il ritorno di un anno fa di Jacoby Jones che ad inizio 3° quarto porto con il suo TD i Ravens sul 28-6. E visto che in quel caso la gara si riapri, o meglio si spensero le luci per poi riaccendersi con la rimonta dei 49ers, forse l'ultima speranza di una gara divertente non è ancora seppellita, forse morta, ma ancora non sotto terra.
Niente ogni volta i Broncos trovano il modo per distruggere una stagione favolosa, questa volta è il fumble di Demaryius Thomas unico fino a quel momento a meritarsi la sufficienza dei suoi. Il merito del Forced Fumble è del CB Byron Maxwell, che con un ottimo colpo fa perdere la palla al ricevitore e come un avvoltoio ancora una volta è Malcom Smith a ricoprire l'ovale.
Se all'appello mancava il QB dei Seahawks ecco che Russell nonostante il vantaggio non si fa rinucciatario e inanella una serie di ottimi passaggi che lo portano al suo primo TD Pass grazie alla ricezione di Kearse.
Adesso il tabellone segna 36-0.
Russell Wilson in una delle sue corse personali
La stagione dei record di Manning sta per coglierne un altro, molto più triste ovvero essere il primo team che resta a secco di punti in un Super Bowl. Per fortuna la difesa di Seattle si concede una piccola pausa che permette finalmente a Peyton di centrare il suo primo drive vincente della sfida concluso con la ricezione di Demaryius Thomas.
Ovviamente seppur utopistica la rimonta, i Broncos provano l'onside kick, ma ne esce un facile pallone che viene prontamente ricevuto dal TE Miller.
Il finale della partita ci regala una ultima serie di ottimi passaggi di un sontuoso Russell Wilson che lo portano al suo secondo TD questa volta grazie alla ricezione finale di Baldwin.
E' la fine su uno dei Super Bowl più belli nelle attese della vigilia, finito per trasformarsi in un dominio assoluto della squadra più forte della NFL e probabilmente con una difesa che tra qualche anno con commenti più distaccati e non condizionati dal momento verrà ricordata e messa a fianco di Bears del '85 oppure dei Ravens del 2000.

L'analisi:
Richard Sherman anima della Legion Of Boom
Un match a senso unico, come mai mi era accaduto di vedere in un Super Bowl, con tutte le premesse della vigilia mantenute e anzi implementate solo dai Seahawks che hanno dominato in ogni zona del campo. La difesa che sapevamo essere forte è stata veramente mostruosa, con una velocità, grinta e cattiveria sportiva da far paura, sopratutto perchè è rimasta a quei livelli fino alla fine. Non a caso i doppi placcaggi hanno perfino infortunato un paio dei propri giocatori come è accaduto nel finale quando Earl Thomas ha infortunato Sherman. A proposito del CB di Seattle, che dopo il championship vinto è stato su tutti i media sportivi e non, mettiamo subito in chiare che seppur non ha intercettato nessuna palla è stato comunque fenomenale, perchè ha costretto uno come Manning a non lanciare verso le sue zone. In una sola occasione è stato veramente messo alla prova sul profondo da Peyton ed è stato pazzesco, avanti al proprio ricevitore da sembrare lui quello incaricato alla ricezione tanto che avrebbe meritato la pass interference offensiva.
Festa della difesa Seahawks
Però non mi limito a Sherman o alla Legion Of Boom, sarebbe un ingiustizia verso tutta la difesa che ieri ha giocato da manuale del football da insegnare dalla High School fino agli spogliatoi della NFL passando per i college di ogni stato americano. Earl Thomas e Kam Chancellor a sferrare colpi appena il ricevitore toccava la palla. Maxwell il CB che sostituisce Brandon Browner nella LOB, e con un ottimo intervento forzato il
fumble di Thomas. Per non parlare di Malcom Smith MVP dell'incontro, un intercetto con TD su ritorno, un fumble ricoperto e 9 tackles. Il suo MVP onestamente è un pò forzato a mio avviso, non che non avesse i numeri per vincerlo, ma lo vedo più come un tributo alla difesa dei Seahawks, più che al singolo. Altre volte con un difensore con statistiche simili e un QB con 2 TD pass al secondo anno tra i pro e al suo primo Super Bowl sarebbe andato senza dubbio a Russell Wilson. Ma ieri era veramente difficile dare un premio singolo ad uno spettacolo corale di questo tipo. Ad esempio Clemons con i suoi 2 fumble forzati e il sack a ricordare il lavoro incredibile della linea difensiva che ha ridicolizzato quella OL che a detta di tutti (anche da me) era un muro di cinta impenetrabile, fatto per proteggere il fragile fisicamente e forse non solo, Peyton Manning.
Vogliamo parlare di Coach Pete Carroll che non scrivo tutto maiuscolo, perchè sarebbe troppo evidente la
L'immancabile gavettone su coach Carroll
mia personale ammirazione per un uomo che intanto con il Super Bowl di ieri è diventato il 3° nella storia ad aver vinto sia il titolo nella NCAA che in NFL. Ma sopratutto è l'aver saputo costruire in questi anni partendo praticamente da zero un team fortissimo, il più forte di sicuro che Seattle abbia mai avuto e che sono certo farà ancora bene nei prossimi anni, perchè è fondato su giovani con fame di vittoria e dotati di un talento indiscutibile. Faccio pochi nomi, ma che rendono bene il suo straordinario lavoro. Marshawn Lynch preso dai Buffalo Bills che in quegli anni seguivo molto e avevano scelto di preferire alla "bestia" C.J. Spiller che nel 2010 avevano preso al primo giro di draft e tenersi Fred Jackson. Ecco forse con rispetto per Jackson, ma mettere Spiller a confronto di Lynch... non mi esprimo per non scrivere frasi offensive. Eppure Pete Carroll l'ha preso e ne ha fatto quello che tutti consideriamo uno dei migliori runnigback della lega.
Russell Wilson? Ne vogliamo parlare? L'anno scorso e chi mi segue lo sa, mi ero spesso speso per descrivere come il talento e la completezza di Wilson lo rendessero migliore dei due QB draftati nel 2012 ovvero Andrew Luck e Robert Griffin III, prima e seconda sceta assoluta in quell'anno. Russell fu preso al 3° giro, dopo i QB di Miami, Cleveland e il secondo di Denver...
Certo in quel caso per Carroll era ancora una scommessa, buona per spenderci un 3° giro, in fin dei conti aveva già a roster Matt Flynn che per molti era un ottimo QB oscurato da Aaron Rodgers.
Marshawn Lynch e Russell Wilson in un gesto d'intesa
Non scherziamo, in quella preseason che ho seguito molto bene, perchè c'era il mio idolo Terrell Owens che si giocava un posto nei 53 a roster, Carroll capì fin da subito che doveva puntare decisamente su quel ragazzo basso per la media, ma capace di lanciare bene, corre altretanto e sopratutto freddo e non incline all'errore. Infatti dalla prima di regular season del 2012 a ieri Wilson non ha più lasciato il posto da starter.
Ecco quella fu una grande preseason, fu il passaggio tra la cenerentola che nel 2010 aveva stupito per la vittoria a sorpresa contro i Saints al wild card game dopo un approdo fortunato alla postseason, e la squadra che in due stagioni ha saputo diventare la più forte della NFL senza e ripeto senza ombra di dubbio.
Ha battuto i Broncos fino a ieri i favoriti al Super Bowl e i 49ers nel Championship della NFC che a posteriori è stata la sfida tra le due più forti della lega. Si un pò di buon umore dovrebbero averlo anche i rivali di Seattle, perchè San Francisco sa di aver perso contro il team più forte e sopratutto di essere anche stati gli unici ad averli fatti soffire veramente.
L'ultimo nome che incarna lo spirito Seahawks è Malcom Smith, si MVP del Super Bowl, che udite udite è stato preso da Seattle al 7° giro del draft nel 2011 scelta numero 242! Tutti ci ricordiamo della magia di Sherman contro i 49ers, ma anche in quel caso a raccogliere la palla deviata da Richard c'era proprio lui Smith!
Ieri abbiamo rivisto finalmente anche Percy Harvin e il ragazzo pur non giocando da ormai quasi 2 stagioni in modo continuativo si è fatto vedere e come, con corse in end-around e il suo ritorno in Touchdown. Se
Il ritorno da 87 yards di Percy Harvin
recuperato, nella prossima stagione Wilson potrà contare su un arma in più, come se questi Seahawks ne avessero bisogno.
In fine un bravo, va anche alla OL di Seattle che ieri grazie anche alla differenza tra la difesa dei Broncos rispetto a quella dei 49ers ha saputo proteggere molto meglio il proprio QB, che è uscito dalla tasca molto meno rispetto al championship e non ha subito nessun sack.
Per finire il pacchetto ricevitori con Baldwin, Tate e Kearse che tutto sommato hanno svolto una ottima stagione. Con Russell a lanciarli e la loro giovane età non potranno fare altro che migliorarsi.
Ecco una squadra, un gruppo fatto con giovani ottimi e senza spendere per un monte stipendi da pazzi. Certo adesso arriveranno rinnovi profumati, è il normale corso delle cose, però c'è chi arriva a vincere senza far follie e poi magari adegua i contratti e chi di follie ne continua a fare con i suoi petrol-dollari e al Super Bowl non ci arriva, anzi nemmeno ai playoff... Qualsiasi riferimento ai Dallas Cowboys è puramente casuale.

Arriviamo ai Broncos, questa volta la frase onore agli sconfitti è un pò forzata. Sicuramente hanno fatto una stagione favolosa, statistiche e chi più ne ha ne metta, ma alla fine della fiera conta solo vincere quando in
La delusione di Peyton Manning mentre lascia il campo
palio c'è il Super Bowl il resto serve solo per arrivare a giocarsi il Lombardi Trophy.
5 MVP per la stagione e un solo Super Bowl nel 2006 devono far riflettere, sul fatto che Peyton Manning non sia lo stesso giocatore che gioca durante la stagione regolare. E' un dato di fatto ieri il primo intercetto è un passaggio clamorosamente sbagliato e lo stesso per altri lanci nel corso della gara. Si può dire che era sotto pressione, si ma se si parla del MVP del 2013 mi aspetto che giochi bene anche contro una difesa aggressiva. Mi dispiace per i suoi fans, ma la natura in quella casa ha dato il talento a Peyton e le palle a Eli Manning!
Per non parlare dei ricevitori che onestamente si sono fatti sovrastare dalle secondarie. L'unico a essersi comportato bene è stato Demaryius Thomas, anche con il fumble commesso è stato il solo ad aver ricevuto anche ad inizio partita. Welker ha fatto qualcosa, ma solo nel finale, questi non sono ricevitori fenomenali sono solo ricevitori legati a doppio filo alle prestazioni del QB. Insomma Marshall, Calvin Johnson, Andre Johnson sono altra cosa.
Tutta la foga agonistica della difesa Seahawks
La linea offensiva ha retto tutta la stagione e poi nel match clou parte con uno snap da comiche e prosegue costringendo Peyton addirittura a correre fuori dalla tasca. Non penso che altre franchigie non riescano almeno per alcune fasi della partita a giocare in questo modo contro Manning, è che l'approccio di altri era più a coprire il profondo che nell'aggredire alla fonte ed è stato dimostrato che è una strategia suicida.
Per i runningback c'è poco da dire, fin da subito John Fox con le sue chiamate a cercato di recuperare velocemente lo svantaggio, quando magari qualche corsa avrebbe impedito i turnovers sanguinosi per gli intercetti di Manning.
John Fox si complimenta con il collega Pete Carroll
La difesa di Denver, fino ad un certo punto si era ben comportata anche, perchè spesso i punti sono arrivati dagli special team o dalla difesa avversaria. Lynch è stato ben imbrigliato e questa forse è stata l'unica cosa riuscita allo staff dei Broncos, anche se sono curioso di sapere se Lynch non abbia avuto qualche problema fisico visto che nell'ultimo quarto è praticamente sempre stato in sideline.
Denver esce sconfitta sotto ogni aspetto, con la prospettiva di una diaspora generale, l'obbiettivo di vincere il Super Bowl con Manning è fallito clamorosamente per modi e proporzioni. Franchigia probabilmente da ricostruire nei suoi punti chiave, QB, RB e forse anche altri.
Quello che mi chiedo e non saprò mai è se i Broncos pensasero di aver già vinto senza nemmeno scendere in campo. Perchè una partenza sbagliata ci può stare, ma così mi è parso come una squadra senza quella adrenalina fondamentale per questi tipi di partite. Se sono entrati troppo convinti di vincere facile è difficile nel corso della gara ritrovarsi, sopratutto quando gli avversari non ti lasciano niente per farti credere alla rimonta.
Per i tifosi di Denver sarà un triste Super Bowl, di cui vorranno presto dimenticare i ricordi.


 - Link --->  Highlights del Match Seattle Vs Denver. 
 - Link --->  Highlights di Russell Wilson. 
 - Link --->  Highlights di Seahawks Defense.  
 - Link --->  Highlights di MVP Malcom Smith.
 - Link --->  Highlights di Peyton Manning.


_________________________________________________

---> Griglia Playoff NFL
---> Classifica NFL, Division per Division su NFL.com
---> Box Score & Highlights su NFL.com
_________________________________________________
By nfl.com



NFL Italia Blog fa i complimenti a tutti i Seattle Seahawks ed ai loro fans.
Augura una buona off-season a tutti i lettori, che mi hanno seguito e interagito con commenti, voti, link e quant'altro. Da parte mia spero di avervi regalato alcuni minuti di buona lettura dei miei articoli sulla National Football League.
Fabio Bembo Bertini.